Sportiva Tassisti Firenze | Ciclismo
533
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-533,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,qode-theme-ver-16.7,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive

Ciclismo

Con Londra ci fu fin da subito una sana collaborazione e relationship. Il 21 Giugno 1997 prese il via la “Firenze Londra in bicicletta”, con il patrocinio dei Comuni di Firenze e Scandicci ed il supporto del C.O.N.I. provinciale, della Società Canottieri di Firenze e del quotidiano La Nazione. I ciclisti partirono da Firenze pedalando per circa 1800 Km e raggiunsero Londra il 2 Luglio successivo. L’anno seguente (1998) un omologo gruppo di ciclisti inglesi, percorse lo stesso itinerario a ritroso, partendo da Londra e raggiungendo Firenze.
A testimonianza dello spirito goliardico del gruppo, voglio ricordare l’annuale “escursione”, Firenze – Viareggio – Firenze, (circa 200 km fra andata e ritorno) che si teneva il 1° Agosto, a cavallo degli anni 80 e 90 di cui lo scrivente era assiduo partecipante. Fra le altre cose , la giornata comprendeva una sosta per pranzare a base di frittura di pesce al mercato di Viareggio e durante il ritorno un’ulteriore fermata per rifornirsi di acqua, vicino alla famosa Abbazia di Calci dove si trova la sorgente Uliveto che come recita la pubblicità, aiuta a digerire ed a rimanere in forma con la sua effervescenza naturale. Nel nostro caso aiutava a digerire la “lauta” frittura, visto che per la forma erano sufficienti gli oltre 200 Km percorsi in un giorno.
Purtroppo dagli anni 2000 in poi per una serie di circostanze negative, il gruppo ciclistico perse il suo “appeal” e di conseguenza diminuirono man mano gli iscritti fino a toccare l’esiguo numero di 13 nel 2011, quando si concluse la partecipazione ad ogni tipo di manifestazioni.
Ma come sappiamo, generalmente ad ogni caduta corrisponde una rinascita e così è stato anche questa volta. Dal 2015 sotto la nuova Presidenza del collega Piccardi Fabio, (Berna 18) il gruppo ciclistico ha ricevuto nuova linfa ed anche grazie all’ingresso nel C.d.A della polisportiva di Antonio Alfaioli (Mosca 35) si è dato di nuovo vita all’iscrizione ad eventi ufficiali che è sfociata nella partecipazione nel 2016 alla Gran fondo di Verona, gara valida come Campionato Italiano Tassisti, dove è stato conseguito un risultato di rilievo con il 1° posto assoluto ottenuto dal nostro collega Emanuele Ristori (Oslo 46) ed altri eccellenti piazzamenti de parte di Antonio Alfaioli ( 2° di Cat.), Lorenzo Provvedi (Berna 35) e Andrea Vannucci (Zara 9) (entrambi 3° di Cat.) e non ultimo il premio per la squadra con il maggior numero di iscritti. Nel 2016 la Polisportiva ha stretto un accordo di collaborazione con il Bike Team Cascine del Riccio, presieduto da Duccio Masini (At 16) che vedeva già al suo interno un buon numero di colleghi.
Come nello spirito fondante dell’ originario gruppo ciclistico e della Polisportiva tutta, l’attività che accomuna tutti i soci è principalmente di natura sociale e solidale, per cui si è dato vita di nuovo ad eventi di questo tipo. Nell’estate del 2017 la Polisportiva ha dato vita ad una bella iniziativa denominata “una pedalata per Amatrice”, con il raggiungimento della città reatina da parte di un gruppo di circa 20 ciclisti (fra cui il sottoscritto), dove siamo stati accolti dal Sindaco Pirozzi al quale è stato fatto dono di 7 piccoli spalaneve da dare in dotazione agli abitanti delle casette prefabbricate edificate per i terremotati del paese, acquistati grazie ai fondi raccolti con la “cena di Badia”, organizzata appunto dalla Polisportiva. La pedalata ha avuto il suo epilogo con un pranzo presso il ricostruito “Ristorante Roma”, dove a farla da padrone, manco a dirlo, è stata il dibattito, se è più buona l’Amatriciana o la Gricia, variante senza pomodoro della prima.
La prossima iniziativa, denominata “Mare e Terra per Livorno” si terrà il 24 Marzo, dove congiuntamente, ognuno per la propria strada, ciclisti, podisti e canottieri raggiungeranno la città di Livorno, per dare la solidarietà dei Tassisti Fiorentini alle popolazioni colpite dall’alluvione dello scorso Settembre.

Roberto Naldini (ex Torino 32)