Sportiva Tassisti Firenze | Canoa
428
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-428,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,qode-theme-ver-16.7,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive

Canoa

Dragon Boat

Nacque nell’oramai lontano 1999, dall’idea di un consigliere della Canottieri  Firenze, Massimo Fantini  che all’epoca si occupava di organizzare le manifestazioni di Dragon Boat. Questa disciplina, nata in Cina, iniziava ad essere praticata anche in occidente. La prima squadra della nostra città aveva un equipaggio misto, composto da atleti delle Società  Canottieri Firenze e  Canottieri Comunali, nella quale militava  Maurizio Ciardi, (Bologna 24), al quale fu chiesto di mettere insieme una squadra composta  da tassisti. Così iniziò questa bella avventura. Questa nuova squadra partecipò alla sua prima gara di Coppa Italia  il 26 Aprile 1999, ottenendo al suo debutto due ottimi risultati: 4° posto nei 200 metri e 3° posto nei  500 metri, anche in virtù del fatto  che gli atleti delle squadre avversarie provenivano in massima parte dalla Canoa fluviale ed Olimpica, mentre i nostri avevamo sì  percorso  molti  Km, ma in prevalenza a bordo dei propri Taxi in giro per la città! Successivamente la squadra fu  invitata a varie manifestazioni, fra cui il trofeo S. Giovanni, il 24 Giugno 2000 che ne  sancì il  primo successo; ottenuto battendo le squadre della Polizia di Stato, dei Vigili Urbani, degli autisti Ataf, dei Vigili del fuoco e della Polizia Penitenziaria.
Nel frattempo, nel 2002, i colleghi Paolo Catarzi (?????) e Marco Mariotti (Zara 13), inclusi nell’equipaggio  dei Canottieri Comunali di Firenze vinsero il Campionato mondiale per  club svoltosi a Roma, mentre nel 2003, insieme al fondatore del Taxi Dragon Maurizio Ciardi si aggiudicarono la Medaglia d’argento nel  Campionato mondiale per Nazioni, con la Nazionale Italiana di specialità. Sull’onda dell’entusiasmo per  gli  ottimi risultati ottenuti in così poco tempo, nel 2003 fu decisa la partecipazione  alla Vogalonga, una gara di ben 35 km che si svolge nella splendida laguna di Venezia, conclusa con l’ottimo  tempo  di 2h20’, a cui seguirono le partecipazioni anche nei successivi anni 2004, 2005 e 2006. Nel Giugno 2003 ci fu anche la partecipazione al primo Campionato europeo ad Auronzo di Cadore, dove fu ottenuto un ottimo 8° posto, visto anche la caratura internazionale degli avversari. Nel Maggio 2004, il “Taxi Dragon” con il suo equipaggio si presentò al via del  1° Memorial  Massimo Fantini, animatore della specialità  prematuramente scomparso, classificandosi al 2° posto nell’open 250 metri e al 3° posto nei 2000 metri. Nel 2005, esattamente il 13 Marzo ci fu la partecipazione ai campionati italiani di fondo che si svolsero nel laghetto dell’EUR a Roma, dove il nostro equipaggio conquistò il terzo posto sul podio nella specialità dei  5000 metri, con un vantaggio di un solo “millesimo di secondo” sul quarto classificato. L’attività è poi proseguita con molte altre partecipazioni  fino ai giorni nostri, sia in Italia che all’estero,  incluse le Taxiadi  da noi organizzate nel 2012 e nel 2016, fino ad arrivare al 1° e al 2° Memorial  Marianna, indimenticata amica e collega, prematuramente scomparsa. Quest’anno, dopo molti anni di assenza, e grazie alla disponibilità di tante amiche e colleghe tassiste che ci hanno consentito di formare l’equipaggio necessario,  parteciperemo alla classica “Vogalonga” veneziana. Ma quello che ci preme far notare, oltre a  enumerare una mera serie di competizioni, al di là degli ottimi risultati ottenuti, è l’impegno sotto l’aspetto ludico e sociale di tutti i colleghi che con la loro partecipazione  hanno fatto sì che l’attività sportiva in questione, fosse un momento di unità e di socializzazione  fuori dagli abitacoli dei nostri taxi. Invitiamo quindi tutti i colleghi che fossero interessati a far parte della nostra squadra a contattare la Polisportiva e salire a bordo.

La Polinesiana

È uno sport insolito, con un nome stravagante, nell’area del Pacifico la canoa polinesiana viene chiamata “Va’a” in Polinesia francese, “Wa’a” alle Hawaii, “Waka Ama” in Nuova Zelanda. Nei paesi di lingua inglese il nome usato più spesso è “Outrigger canoe”. Il Va’a è strettamente legato all’antica cultura polinesiana. Si pratica con canoe dotate di un bilanciere laterale, collegato allo scafo da due traverse. È il tipo di canoa tradizionale dei popoli dell’Oceania, ma molto diffusa anche nell’oceano Indiano.
Ha avuto un ruolo determinante nella grande migrazione che da Samoa raggiunse Micronesia, Melanesia e Polinesia, e in generale nella colonizzazione, in tempi antichi, di molte isole oceaniche. A partire dalla fine del XIX secolo l’outrigger ha cominciato a svilupparsi e diffondersi nel mondo come sport organizzato.
I primi tassisti che si cimentano in questo sport sono i già dragonauti Ugo Vieri, Pa 35, Luca Scotto, Bo35 e Lorenzo Giachetti, Bo29, che nel 2007 formano squadra con alcune donne della Canottieri Comunali Firenze, tra le quali Susanna Madarnas e partono per la gara di Tolone, 67 Km in mare aperto. La vittoria è del misto. Un’altra gara alla quale partecipano atleti di tutta Italia è la nostra “Meloria”, a Calambrone organizzata da Ugo Vieri e Polisportiva. La prima edizione è del 2015, in seguito: la 2016 e la 2017, che battezza la nuova arrivata, Marta Cioncolini. È alle porte l’edizione del 2018.
Stay tuned. ALOHA